Avviso di Accertamento

Descrizione

Emissione di Avviso di Accertamento per omessa denuncia o per infedele denuncia.

Normative di riferimento

art. 22 Regolamento Tares.
Regolamento Tia approvato con delib. di Cons. Comun. n. 12/2011-Regolamento TARES approvato con delib. di Cons. Comun n° 13/2013; art. 14 D.L. 6 dicembre 2011 convertito con legge 22 dicembre 2011 n. 214 e s.m.i.; legge 27 luglio 2000, N.212 (Statuto del Contribuente)
D.P.R. n. 602/1973; D.Lgs. 112/1999 (Riscossione tramite Ruolo); D.L. 564/1994 convertito in Legge 656/1994 (autotutela)

Cosa fare

Termini di notifica: gli avvisi di accertamento in rettifica e d'ufficio devono essere notificati, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui la dichiarazione o il versamento sono stati o avrebbero dovuto essere effettuati.
L'avviso di accertamento è definitivo entro 60 giorni dalla notifica.

Modalità per l'effettuazione dei pagamenti

Avviso di accertamento TIA:
presso gli uffici postali utilizzando i bollettini allegati all'avviso;
presso lo sportello TIA/TARES con bancomat o carta di credito tramite P.o.s.
tramite bonifico bancario a favore del Comune di Galatina, Banca Popolare Pugliese IBAN:
IT 43 Z 05262 79650 CC0540431948 BIC/SWIFT: BPPUIT33

Avviso di Accertamento Tares: solo tramite il modello F24 allegato all'avviso di pagamento presso qualsiasi sportello bancario o postale.

Cittadini residenti all'estero:Per la parte relativa al tributo Rifiuti, (codice tributo 3944), tramite bonifico bancario a favore del Comune di Galatina, Banca Popolare Pugliese IBAN: IT 43 Z 05262 79650 CC0540431948 BIC/SWIFT: BPPUIT33;
relativamente alla maggiorazione TARES, tramite bonifico direttamente in favore della Banca d'Italia utilizzando il codice IBAN IT80R0100003245348001150300, ai fini dell'accreditamento delle somme al bilancio dello Stato. E' necessario, inoltre, indicare il codice BIC "BUAITRRENT", corrispondente alla Banca d'Italia. Come causale del versamento devono essere indicati:
- il codice fiscale o la partita IVA del contribuente o, in mancanza, il codice di identificazione fiscale rilasciato dallo Stato estero di residenza, se posseduto;
- la sigla "MAGG. TARES", il nome del Comune ove sono ubicati gli immobili e il codice tributo 3955;
- l'annualità di riferimento.
La copia di entrambe le operazioni deve essere inoltrata al Comune per i successivi controlli.

Strumenti di tutela

-Richiesta di rettifica /annullamento dell'avviso di accertamento entro 60 giorni dalla notifica (che non sospende i termini per fare ricorso).
-Ricorso in Commissione Tributaria.(D.Lgs. 546/1992)
Avverso l'avviso di accertamento l'utente può, entro 60 giorni dalla ricezione dello stesso, proporre ricorso, intestandolo alla Commissione Tributaria Provinciale di Lecce, e notificandolo al Comune di GALATINA, via Umberto I° n. 40-73013 Galatina (LE). La notifica va effettuata tramite ufficiale giudiziario o spedizione a mezzo posta in plico raccomandato senza busta, con avviso di ricevimento, oppure con consegna diretta all'ufficio protocollo del Comune, che rilascia ricevuta sulla copia. Nel ricorso l'utente deve indicare: le proprie generalità; il proprio codice fiscale; (se il ricorrente è società o ente) il legale rappresentante; la residenza, la
sede legale o il domicilio eventualmente eletto; l'Ente nei cui confronti è proposto il ricorso; gli estremi dell'atto impugnato; i motivi del ricorso; le conclusioni. Costituzione in giudizio: entro trenta giorni dalla date di notifica del ricorso l'utente, a pena di inammissibilità, deve costituirsi in giudizio depositando il proprio fascicolo presso la segreteria della Commissione Tributaria provinciale di Lecce, via Rubichi 39.
Quando il valore della controversia, esclusi interessi e maggiorazioni, sia di importo uguale o superiore a € 2.582,28 l'utente deve essere assistito da un difensore abilitato ai sensi dell'art. 12 D. Lgs. 546/92 e succ. modifiche. Richiesta di s ospensione dell'atto: l'utente, se dall'atto impugnato può derivargli un danno grave ed irreparabile, può presentare alla Commissione Tributaria un'istanza motivata di sospensione dello stesso; la Commissione Tributaria può concedere la sospensione, che ha effetto fino alla data di pubblicazione della sentenza di primo grado.

Documenti e link

Direttiva per la qualità dei servizi on line e la misurazione della soddisfazione degli utenti

Commenta la seguente affermazione: "ho trovato utile, completa e corretta l'informazione."
  • 1 - COMPLETAMENTE IN DISACCORDO
  • 2 - IN DISACCORDO
  • 3 - POCO D'ACCORDO
  • 4 - ABBASTANZA D'ACCORDO
  • 5 - D'ACCORDO
  • 6 - COMPLETAMENTE D'ACCORDO
X
Torna su